Previeni il marciume apicale con la giusta strategia nutrizionale

Il marciume apicale del pomodoro noto come Blossom end rot (BER), è una delle fisiopatie più diffuse che si possono riscontrare nella coltivazione di questa ed altre solanacee come ad esempio il peperone.La fisiopatia provoca nel frutto sia malformazioni morfologiche che cromatiche. Il danno si presenta, in genere, come una lesione nell’apice della bacca che rende il frutto non commerciabile.
Il marciume apicale del pomodoro è causato dalla carenza di calcio, che in quanto elemento poco mobile nelle piante, è traslocato con difficoltà all’interno delle bacche sia nelle prime fasi di sviluppo del frutto che dopo l’inizio dell’invaiatura.Per prevenire il marciume apicale del pomodoro Green Has Italia, oltre alle raccomandazioni_agronomiche, suggerisce una strategia nutrizionale che si basa su:

Interventi fogliari

  • intervenire con applicazioni (anche in associazione con prodotti fitosanitari) a partire dall’allegagione del primo palco ed ogni 8-12 giorni con Calciogreen PS PLUS in cui il calcio è presente ad alta concentrazione (CaO 30% in forma di complesso) prontamente e totalmente assimilabile e complessata con LSA (ligninsolfonato d’ammonio). LSA è un agente complessante derivante dalla lignina con elevata affinità per i tessuti vegetali e capace di penetrare con facilità la cuticola fogliare per permettere il passaggio dell’elemento
  • qualora esistessero anche carenze di Magnesio e/o si volesse incrementare la pezzatura dei frutti, utilizzare Foliacon 22, fertilizzante ad altissima purezza che consente la somministrazione simultanea di calcio e magnesio nel rapporto 2:1, anche nelle condizioni più difficili causate da squilibri idrici e stress ambientali.

I due formulati permettono di intervenire con estrema rapidità ed efficacia in qualsiasi fase del ciclo colturale sia per via fogliare sia in fertirrigazione.

Interventi per fertirrigazione

  • per integrare calcio e nutrienti per via radicale senza creare eccessi vegetativi fertirrigazioni con la linea Calfon da prefioritura a fine allegagione del primo palco utilizzando Calfon P ideale nelle prime fasi di sviluppo della pianta quando ancora non sono presenti i frutti per la presenza dell’azoto ammoniacale (2,5%) e di fosforo per il sostegno allo sviluppo, impiegando poi Calfon fino a raccolta del primo palco e successivamente  Calfon K, entrambi  formulati senza azoto ammoniacale proprio per favorire l’assimilazione del Calcio e la sua traslocazione nei frutti.

 

SCARICA LE RACCOMANDAZIONI AGRONOMICHE

 

Per le colture BIO il contenimento di questa fisiopatia si basa su metodi indiretti non potendo apportare calcio al frutto, Green Has Italia raccomanda:

  • Algaren Twin associato a Borogreen L via fogliare ad inizio fioritura di ogni palco per favorire la continua rigenerazione dei capillizzi radicali ed aumentare l’allegagione con il conseguente numero di semi per frutto in modo da aumentare la traslocazione del calcio verso le bacche.
  • Vit-Org VG in fertirrigazione il cui impiego applicazione oltre ad avere una azione diretta contro gli stress termici ed idrici aumenta favorisce l’umificazione della sostanza organica del suolo creando le condizioni favorevoli una maggiore disponibilità di tutti gli elementi nutritivi, quindi anche in particolare il calcio favorendo l’attività metabolica della pianta